• MORNING TRENDS DEL 1° SEM 2016

    C’è stato, come già esposto, un altro semestre molto interessante e di crescita per il mezzo Radio e che suggerisce alcune riflessioni specifiche. Uno degli elementi di analisi strutturale riguarda la ulteriore salita del numero degli ascoltatori del primo mattino, tra le ore 6 e le 10. Nello stesso semestre dell’anno precedente, il 1° del 2015, entro le ore 10 si erano già prodotti 23.668.040 ascoltatori, pari al 67,77% di quelli dell’intera giornata; ovviamente si tratta di ascoltatori che poi in una certa quota tornano all’ascolto anche dopo le 10. Tuttavia il dato appena pubblicato e disponibile anche sui software di elaborazione, quello del 1° semestre 2016, ci consegna un ulteriore crescita della fascia dalle 6 alle 10. Alle ore 10 sono già prodotti 24.270.880 ascoltatori, il 68,16% del totale.

    Continue reading

    Published by:
  • CI FERMIAMO, TORNIAMO TRA POCO…

    Tra Televisione e soprattutto Radio assisto al dilagare di una formula espressiva a mio avviso significativamente sbagliata non tanto e non solo da un punto di vista filologico ma anche da quello motivazionale verso il pubblico. Appena prima della pubblicità ormai è un must per quasi tutti i Conduttori pronunciare la fatidica formuletta… “Ci fermiamo, torniamo tra poco”. Come direbbe un celebre ex-CT della Nazionale di Calcio: “Ciò è… agghiacciante!”. La prima parola tremenda della formula incriminata è “Fermiamo”. Caro Conduttore, forse ti fermerai tu, il tuo cervello (ammesso che prima abbia funzionato), ma la stazione va avanti e compie la sua funzione essenziale, quella commerciale e che paga anche il tuo compenso, certamente eccessivo se trasmetti negatività.

    Continue reading

    Published by:
  • STATION TRENDS DEL 1° SEM 2016

    Sono stati pubblicati nella giornata di giovedì i dati ufficiali del 1° semestre 2016 di RADIO MONITOR. Una pubblicazione più attesa del solito, la prima con MEDIASET in parte attiva nel mezzo Radio e la prima con la nuova RADIO ZETA in “copertura estesa” a cura di RTL 102.5. Prima di tutto… come si è comportato il mezzo Radio nel suo complesso con riferimento allo stesso semestre del 2015? Risposta evidente dalla prima e inequivocabile osservazione: benissimo! A parità di popolazione di riferimento e di campione gli ascoltatori complessivi della Radio salgono da 34.927.000 a 35.611.000 individui nel giorno medio, un prezioso +1,96%. Nel dato dell’ascolto settimanale la crescita è stata più contenuta, da 44.344.000 a 44.593.000 invidui con un risultato netto di +0,56%.

    Continue reading

    Published by:
  • MUSIC PROGRAMMING WEBINAR 2.0

    Dopo 9 edizioni di Music Programming Webinar, sabato 14 maggio è stata la giornata del 2… come “2 cifre” (10^ edizione)… ma anche come Rel. “2.0”. E’ stata testata con apprezzamento dei partecipanti e con grande divertimento dello scrivente una sessione che è stata inserita nel programma, il “Laboratorio Interattivo” per le 3 ore del pomeriggio. Il Music Programming Webinar è il servizio di formazione in video-conferenza WEB sulla funzione della Musica in Radio. Al mattino vi sono 4 moduli formativi: “Il Formato”, “Programmi, Flusso e Branding”, “La Funzione Musica” e “La Ricerca sulla Musica”. Al pomeriggio e dalla 10^ edizione c’è ora proprio il “Laboratorio Interattivo”. E accadono condivisioni significative di tecniche e di esperienze nella più stretta operatività.

    Continue reading

    Published by:
  • NAZIONALI ALLO SCATTO DEL MATTINO

    E’ il nostro peak time! Più volte da questo sito ho sottolineato l’importanza del primo mattino in Radio, in particolare della fascia dalle ore 6 alle 10. Ho pubblicato classifiche ordinate per share del quarto d’ora nella fascia specifica, curve delle stazioni nel primo mattino e altro ancora. Penso comunque di non aver fatto ancora abbastanza per sottolineare la centralità delle prime 4 ore della giornata del mezzo Radio. Quindi ho ritenuto di offrire qualcosa di più chiaro e che potesse spiegare anche la dinamica degli ascolti al mattino e, soprattutto, la loro importanza relativa nell’ambito della intera giornata e delle 24 ore. Questo è il mio impegno, qui. Le emittenti che comprendono e valorizzano al meglio la fascia del mattino sono a metà della loro opera. Ce la farò a dimostrarlo?

    Continue reading

    Published by:
  • MASTER: 3 FORMATI PER LA CAMPANIA

    Sono professore a contratto dell’Università Cattolica di Milano per il Master in Comunicazione Musicale; insegno “Teorie e Tecniche della Radio Musicale” sin dall’anno accademico 2004-2005. Ogni tanto ne scrivo qui essenzialmente per promuovere l’esistenza stessa del Master e in qualche altro caso per sollecitare gli Editori delle stazioni radiofoniche a considerare di offrire uno stage agli studenti. In questo caso torno a scriverne ma per uno scopo del tutto nuovo: divulgare l’esito del Laboratorio Radio. Per la prima pubblicazione in 12 anni dei progetti degli studenti il ringraziamento è da indirizzare a Gianni Sibilla, direttore didattico del Master, che ha autorizzato questa opportunità e ovviamente anche agli studenti stessi di quest’anno che hanno onorato l’impegno in Laboratorio.

    Continue reading

    Published by:
  • PRESENTARE LA RADIO CON EFFICACIA

    La Radio è Aria. Serviamo il Pubblico che adora il Mezzo dell’Immediatezza, dell’Immaginazione, della Personalità, della Familiarità, tutti valori assolutamente di Aria. Il Mezzo Radio è dunque Aria, ossigeno puro, ma per poter vivere e crescere, la singola Stazione, ha bisogno dell’elemento di Terra più semplice e multi-uso che possa esistere, il Soldo. Presentare ai clienti pubblicitari la Radio non solo e non tanto come un elemento di Aria ma soprattutto come un grandioso ritorno di Terra ai loro investimenti è opera complessa ma possibile, che richiede un linguaggio adatto e che può dosare all’occorrenza elementi di Acqua (riflessione) o di Fuoco (stimolo). Resto convinto nel 2016 che la “Brochure Cartacea” (non un semplice PDF) sia ancora uno strumento valido per presentare la Radio.    Continue reading

    Published by:
  • RADIO LOCALI TOP PER PROVINCIA

    Le province d’Italia sono ben 110 e in questo articolo ci sono ben 110 tabelle, una per ogni singola provincia, tutte prodotte specificatamente con software di elaborazione dei dati di RADIO MONITOR. Ogni provincia è presentata nel ranking di importanza (dalla provincia più popolata a quella meno) e con la graduatoria di ascolto delle Radio Locali in base al QUARTO D’ORA MEDIO rilevato tra le ore 6 e le 24. Le colonne del dato AQH (dall’inglese AVERAGE QUARTER HOUR) sono due; è possibile rintracciare sia il valore assoluto nella prima colonna che è espresso in migliaia che la share AQH relativa alla provincia specifica. Come sostenuto più volte, la pubblicazione del dato del QUARTO D’ORA MEDIO è sostenuta dall’uso internazionale a tutti i livelli, anche per il ranking delle stazioni.

    Continue reading

    Published by:
Array ( [marginTop] => 100 [pageURL] => [page] => [width] => 292 [height] => 300 [alignment] => left [color_scheme] => light [header] => header [footer] => footer [border] => true [scrollbar] => scrollbar [linkcolor] => #2EA2CC )
Please Fill Out The TW Feeds Slider Configuration First