Author Archives: Claudio Astorri

About Claudio Astorri

About Claudio Astorri

Consulente Radiofonico e Professore a Contratto

FINALMENTE TER: LE RADIO LOCALI TOP

Ho stabilito a mio arbitrio ma secondo un riferimento oggettivo quali siano le Radio Locali TOP; si tratta delle emittenti Radiofoniche a carattere locale che superino l’AQH di 10.000 ascoltatori, cioè che tra le 6 e le 24 abbiano mediamente 10.000 individui sintonizzati. Le Radio Locali TOP secondo questo criterio sono ben 33 in Italia, da Radio Subasio a Radio Nostalgia in ordine di ascolto. Come si sono comportate queste emittenti nella appena rilasciata rilevazione di TER per il 1° semestre mobile 2017? La prima risposta è benissimo, addirittura relativamente meglio delle Radio nazionali; crescono mediamente nei quarti d’ora del 36,36%. A breve saranno rilasciati i volumi del semestre e si vedrà come sono stati allocati questi incrementi. Avverto solo gli Editori che riceveranno richieste di aumento da parte dei Conduttori; si accorgeranno degli incrementi… 🙂

Continue reading

Published by:

3 VIDEO SUI CONCETTI DI BASE DELLA RADIO

Lo scorso 26 ottobre si è svolto un evento organizzato dalla Fondazione della Fiera di Milano: “Fiere e Radio: Forme di Interazione nell’Era Digitale”. Ho realizzato per il convegno che si è svolto presso Palazzo Giureconsulti nel cuore di Milano un intervento della durata di 1 ora circa. L’occasione dell’incontro con un’altra industria, in questo caso con quella delle Fiere, è sempre un’occasione di riflessione e di scambio dei concetti di base; uno scambio presuppone che l’interlocuzione tra le parti sia semplificata, ai minimi termini, senza troppe sovrastrutture. Mi auguro di essere stato chiaro e semplice. A seguire ci sono 3 video su altrettanti concetti della Radio che sono stati realizzati montando e elaborando 3 segmenti dell’evento dai tecnici della Fondazione della Fiera di Milano che mi sento ancora di ringraziare. Proviamo a investire qualche minuto?

Continue reading

Published by:

FINALMENTE TER: IL TURNOVER RATIO

Il Turnover ratio non è una parolaccia; è il rapporto tra gli ascoltatori della settimana e quelli giornalieri. Il dato settimanale è quello che più risente degli effetti combinati della ricezione, della visibilità e della promozione. Immaginiamo un intervistatore che al telefono ci sciorini un elenco di 50 emittenti, tra pubbliche, nazionali e locali. Ce le scorre con una certa rapidità chiedendoci quali stazioni nella lista abbiamo ascoltato nell’ultima settimana. E noi, al volo… sì, no, sì… e così via. O un nome di una Radio ci è ben fissato nella mente, oppure vanno alla riga dopo. Poi viene chiesto quali delle emittenti settimanali siano ascoltate giornalmente. E qui c’è il momento critico; menzioniamo solo emittenti top of mind e che si sono effettivamente ascoltate nella quotidianità. Il Turnover Ratio misura con un rapporto l’efficienza nella conversione tra le 2 variabili.

Continue reading

Published by:

FINALMENTE TER: TERREMOTO AQH

Si è trattato di un sollevamento tellurico, come direbbero gli esperti di sismologia. Andiamo con ordine. Il totale AQH rilevato dal 1° semestre mobile di TER è stato di 6.390.000 individui. Secondo la ricerca basata su ben 60.000 interviste CATI ascoltano la Radio tra le 6 e le 24 mediamente 6.390.000 persone contemporaneamente sintonizzate. Sono proprio e sempre tantissime! Ricordando che non è possibile effettuare per questa rilevazione Radiofonica una comparazione omogenea con quelle passate, sia per metodologia che per periodo, stiamo comunque per descrivere un incremento di ascolto a 2 cifre percentuali per tutte le Radio nazionali tranne RAI RADIO 2. E ciò avviene in un momento di lieve contrazione dell’ascolto complessivo nei quarti d’ora dalle ore 6 alle 24 nella misura dell’1,33%. Chi ha guadagnato di più tra le Radio nazionali?

Continue reading

Published by:

FINALMENTE TER: IL FLUSSO STRAVINCE

Dopo qualche ulteriore ritardo finale dato da complicanze legali sono stati pubblicati nel corso della sera del 9 novembre i nuovi dati di TER che si riferiscono al II e III trimestre del 2017 formando il cosiddetto 1° semestre mobile. I dati sono rintracciabili sul nuovo sito di TER, cui (già che ci siamo…) raccomandiamo di permettere la sospensione dell’ascolto della musica senza dover agire sul proprio device. La metodologia non è la stessa, gli istituti di ricerca sono cambiati, il periodo non ha precedenti omogenei e paragonabili se non nei dati riservati di ogni singola emittente. Che confronti si possono fare? L’operazione probabilmente più neutra anche se certamente oltre il limite è quella di paragonare il dato solido dell’annuale 2016 di Radio Monitor con quello del 1° semestre mobile del 2017 di TER. Di seguito le evidenze da tale confronto per le Radio nazionali.

Continue reading

Published by:

MASTER in COMUNICAZ MUSICALE… al VIA!

Lunedì 6 novembre è la data della partenza; è il primo giorno del Master in Comunicazione Musicale 2017-2018 dell’ALMED, l’Alta Scuola in Media della Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Siamo alla 17^ edizione del Master che è diretto sin dall’origine da Gianni Sibilla, mentre è la 14^ del professor Claudio Astorri e del suo corso di “Teorie e Tecniche della Radio Musicale”. Sono 28 gli studenti che sono stati selezionati attraverso una fase preliminare di analisi e una successiva di ben 80 colloqui che hanno determinato la composizione finale della classe. Quest’anno le richieste di iscrizione sono state superiori del 30% rispetto a quelle dell’anno precedente ed è un ottimo indicatore dell’interesse che si abbina alla distribuzione sempre più autenticamente nazionale. Quali sono gli obiettivi del Master in Comunicazione Musicale e cosa si possono aspettare gli studenti?

Continue reading

Published by: