Author Archives: Claudio Astorri

About Claudio Astorri

About Claudio Astorri

Consulente per Stazioni Radio e Concessionarie, Professore Master Com Musicale UniCatt Milano

Il WEEKEND alla RADIO: OPPORTUNITA’ o NO?

L’ho sempre percepito dall’interno del mondo della Radio, sin dal 1981: il “weekend” è uno status mentale più degli operatori che del pubblico. Diciamolo chiaramente: siamo dei privilegiati che sono compensati per svolgere un’attività che amano profondamente, sostanzialmente dei viziati, e il fine settimana non rappresenta tanto il riapproprio di energie, il momento della cultura o la possibilità di condividere più tempo con la propria famiglia o i propri affetti ma piuttosto un attestato di merito per cui tutti i migliori non sono in onda oppure non lavorano al sabato e alla domenica. Ed è indispensabile essere in quel club. Non è forse così? Ma la Radio, come servizio pubblico a libero accesso 24/7, può permettersi tali atteggiamenti? E il sabato, in cui lavora il 45% di chi ha un’occupazione, può far parte dell’idea del “weekend”? Siamo sicuri di tutto ciò?

Continue reading

Published by:

TOP 5 alla PROVA dei QUARTI d’ORA LUN-VEN

Finalmente TER 2017 e questa volta con il volume annuale appena rilasciato; nei prossimi giorni sarà disponibile anche il cosiddetto “nastro” con cui sarà possibile effettuare elaborazioni avanzate. Nel frattempo possiamo cominciare un piccolo focus sulla competizione al vertice, quella tra le TOP 5: RTL 102.5, RDS 100% Grandi Successi, Radio Italia Solo Musica Italiana, Radio Deejay e Radio 105 sono nelle prime 5 posizioni degli ascolti Radiofonici ininterrottamente dal 1992 e da allora distaccano fortemente gli inseguitori. Cosa è successo questa volta, dunque nel 2017, e quali sono le novità salienti? In premessa è da sottolineare che per questa analisi escludiamo “sentiment” e “trend” nel complesso e scorretto confronto con le differenti metodologie d’indagine degli anni precedenti. Ci focalizziamo dunque sul solo dato del 2017. Interessante.

Continue reading

Published by:

I DATI ANNUALI di TER: RADIO LOCALI nel 7G

L’ascolto settimanale delle stazioni Radiofoniche in principio è molto semplice ed è generato dalla risposta dell’intervistato alla domanda: “Quale di queste emittenti ha ascoltato negli ultimi 7 giorni?”; si tratta dunque del riscontro del tipo “Questa sì, questa no…” alla somministrazione del vero e proprio elenco specifico di nomi e di slogan delle emittenti iscritte alla rilevazione. Fondamentale esserci. Anche per le Radio Locali è la prima barriera di accesso. Complicata. Le telefonate di intervista da parte degli istituti, nel 2017 e 2018 sotto l’egida di TER, propongono nella specifica provincia di residenza dell’intervistato tutte le emittenti nazionali e pubbliche, non solo le Radio Locali; non mi stancherò mai di sottolineare come la competizione per gli ascolti, e in questo caso per la top of mind awareness, sia paritetica per metodologia.

Continue reading

Published by:

I DATI ANNUALI di TER: SENTIMENT e TREND

Sono stati appena pubblicati i dati annuali di TER (Tavolo Editori Radio), quelli che si riferiscono all’anno 2017. Come è noto si è trattato del primo anno della nuova ricerca sugli ascolti Radiofonici durante il quale si sono succedute alcune complicazioni, veti incrociati, analisi super-partes e decisioni sofferte, per usare un eufemismo. Tra i problemi sul campo vi sono la partenza ritardata a fine febbraio e la cancellazione postuma della rilevazione del 1° trimestre. I dati annuali che sono stati pubblicati si riferiscono pertanto solo al 2°, 3° e 4° trimestre. Sostanzialmente si tratta della rilevazione tra il 12 maggio e il 9 dicembre escludendo la pausa estiva. Non è possibile effettuare un paragone metodologicamente corretto con il dato annuale di Radio Monitor e del 2016. Ci si spinge ad alcuni confronti al solo scopo, come si dice in questi casi, di avere un “sentiment”.

Continue reading

Published by:

NUMERI dell’INDUSTRIA RADIOFONICA U.S.A.

Settembre 1982. Un 19enne conduttore nel “Pomerigissimo Zeta” della stazione di Angelo Zibetti, allora situata nella mitica sede di piazza Insurrezione a Treviglio (BG), nel pieno del suo passaggio dal Liceo all’Università vive alcune esperienze mistiche dovute al regalo più prezioso che sua nonna Margarethe potesse mai fargli: l’abbonamento al settimanale statunitense “Radio & Records”, la Bibbia della Radio a stelle e strisce, “The Industry’s Newspaper”. Costava un botto. Edito nel formato di un piccolo quotidiano, la cassetta della posta della mia famiglia a Bergamo saltellava di gioia alla sua ricezione, per la verità mai puntuale dato il sistema postale e l’AirMail dei tempi. Collegato a tutte le info dell’industria Radio USA! Più di un sogno, un vero sballo dopo anni di ascolto di AFN, di lettura di libri sul Broadcast e di passione Marconiana. Quel 19enne… è ora chi scrive.

Continue reading

Published by:

LA RADIO VOLA… ma si DEVE PILOTARE

I risultati degli investimenti pubblicitari sulla Radio rilevati da Nielsen inerenti il mese di novembre sono semplicemente strepitosi: +9,0% nel confronto con il medesimo mese dell’anno precedente e +5,8% su base annuale. What else? La Radio è e resta un mezzo resiliente e con un ritorno per investimento straordinario, dato anche da un costo a contatto estremamente conveniente. Non vi è dubbio che in termini generali vada valutato anche l’impatto della nuova competizione data dall’ingresso di Radio Mediaset nel settore; certo, i concorrenti nazionali e diretti fanno fioccare critiche e anche qualche azione alle Autorità per presunte scorrettezze ma resta il fatto che con l’ingresso del Biscione la pressione dell’offerta Radiofonica sul mercato abbia incrementato sensibilmente il numero degli agenti, dei canali e delle modalità. E le Radio Locali?

Continue reading

Published by:

QUICK STORY: RILANCIO di ROCK-FM del 2007

Nella rubrica Quick Story si rivelano i backstage di storie e progetti Radiofonici di almeno 10 anni fa. Il motivo di tale protezione temporale è semplice; un decennio è il tempo minimo perché fatti e imprese possano essere analizzati con il dovuto distacco e con tutte le informazioni. Questa storia è quella di ROCK-FM di Milano nel suo rilancio del 2007, prima della chiusura decisa l’anno successivo da MonRadio del gruppo Mondadori, la proprietà successiva a quella storica di Angelo Borra. E’ la vicenda di un fermento che nacque alla fine del 2006 sotto la guida manageriale diretta del settore M&A (Merger & Acquisitions) di Mondadori e che si avvalse, dopo i primi 18 mesi della start-up di R 101, anche del consulente Claudio Astorri. Le leve fondamentali del rilancio per tutto il 2017 furono due: il direttore di ROCK-FM, l’ottimo Marco Garavelli, e tutto il suo staff.

Continue reading

Published by:

ANALISI COMPETITOR: 105 vs RDJ, in VACANZA

Analisi Competitor continua anche nel 2018. E’ risultata nel 2017 la rubrica con il maggior numero di pagine viste su www.astorri.it; sarà così anche nell’anno nuovo? Avviamo la serie 2018 con il confronto tra le 2 stazioni protagoniste assolute del format Personality Radio, Radio 105 vs Radio Deejay. L’appartenenza delle 2 stazioni al formato non nasce da valutazioni artistiche o soggettive ma strumentali; sono Personality Radio le emittenti che dalle 6 alle 20 offrono la maggior parte del tempo di emissione editoriale, dedotta la pubblicità, alla Conduzione rispetto alla Musica e alla Attualità/Informazione. Semplice. Un tocco di perfidia e di prova del 9? Le fotografie alle 2 emittenti le scattiamo nel pieno delle vacanze invernali, tra il 2 e il 3 gennaio, con i classici palinsesti di ultra ripiego mentre gli studenti non sono a scuola ma tantissimi sono già al lavoro, in Italia.

Continue reading

Published by: