RADIO LOCALI: TOP 50 per AQH SHARE

Comment

Analisi di Ascolto

Oltre a quello Pubblico e a quello Nazionale nel ricco e variegato mondo della Radio pulsa anche il comparto Locale. In realtà tra i 3 raggruppamenti Radiofonici è il secondo per audience superando di circa tre volte quello pubblico, in effetti affidato nelle rilevazioni di ascolto a sole 4 emittenti e non a circa 280. Rispetto a quella del settore televisivo la componente Locale della Radio è infinitamente più attiva, più ricettiva dell’interesse delle persone, più vicina al proprio territorio, più proiettata verso il futuro. Ed è al centro di interessanti processi di concentrazione. Dopo aver offerto uno sguardo nei precedenti articoli al comparto Pubblico e Nazionale nell’osservazione dei dati del 1° semestre di TER 2018 completiamo il primo giro d’orizzonte anche con quello Locale. Come lo realizziamo? Analizzando il trend 2017-2018 della AQH Share delle Top 50.

L’ascolto medio nel quarto d’ora, come noto, è il miglior indice di ascolto e sostanzialmente rappresenta il numero delle persone mediamente sintonizzate tra le 6 e le 24 su una data stazione. Il dato dei 7 giorni e del giorno medio invece rappresentano dei transiti nel senso che si riferiscono ai diversi ascoltatori nel dato intervallo di tempo. Sappiamo da quei 2 indicatori quante persone differenti si sono sintonizzate in una settimana e mediamente tutti i giorni su una data emittente ma non abbiamo da ciò alcuna informazione sulla loro permanenza nel tempo, nei quarti d’ora. Teoricamente gli ascoltatori di una stazione potrebbero fermarsi tutti per un solo quarto d’ora o per 12 ore nella giornata e ciò non è assolutamente leggibile da quei 2 dati. Mentre gli ascoltatori dei 7 giorni e del giorno medio indicati per una emittente non sono esclusivi, l’ascolto nel quarto d’ora è assegnato in modo univoco dal momento che l’unità minima di 15 minuti può essere riconosciuta a una sola emittente. Non a caso è il quarto d’ora ad essere la variabile principale utilizzata da chi qualifica professionalmente il valore delle pianificazioni pubblicitarie come le agenzie e i centri media.

Dopo questa premessa, di cui mi scuso con chi già conosce le dinamiche delle unità di rilevazione dell’ascolto Radiofonico, entriamo nel merito dell’obiettivo dell’articolo. Lo facciamo presentando le prime 50 Radio Locali in Italia non utilizzando il semplice parametro AQH (in valore assoluto) ma l’AQH Share (in percentuale sul totale) per cogliere comunque le piccolissime differenze sul volume complessivo degli ascolti che hanno registrato un lieve incremento nell’ultima rilevazione. Il confronto è tra ricerche non omogenee e con intervalli di tempo nell’anno differenti. Si tratta dunque, come piace ad alcuni, di un “sentiment” più che di un confronto reale. Eccolo.

Solo 5 emittenti locali in Italia (includendo syndication e franchising) riescono a superare l’1% di share sul totale degli ascolti che ovviamente include anche quello delle Radio Pubbliche e delle Nazionali. Si tratta di RADIO SUBASIO, RADIO SPORTIVA, RADIO ITALIA ANNI ’60, RADIO BRUNO e RADIONORBA. Tra le prime 5 l’unica che cresce oltre il 10% (segnalata in verde) è RADIO ITALIA ANNI ’60, coordinata a livello nazionale da Alessandro Raffaelli e a cui è dedicata la foto di copertina (con Ermal Meta). Bella crescita!

Se osserviamo le altre emittenti in verde, che sono quelle dalla crescita migliore negli ascolti AQH, ci si sofferma subito su RADIO MARGHERITA che festeggia con la migliore affezione del pubblico un percorso di affinamento editoriale ancora in corso. RADIO COMPANY del gruppo SPHERA è una certezza nel Triveneto da decenni e non si stanca di crescere con un +12%. Complimenti a entrambi gli editori interessati e ai loro staff.

A livello di gruppo quella del 1° semestre di TER 2018 è stata certamente la rilevazione del gruppo KISS KISS della famiglia Niespolo. Dopo la splendida performance della Radio Nazionale RADIO KISS KISS, già documentata nei dati del rispettivo comparto, il gruppo centra 4 crescite significative in tutte e 4 le sue emittenti locali. RADIO KISS KISS ITALIA cresce del +17,85%, RADIO KISS KISS NAPOLI del 34,72%, RADIO IBIZA del 14,48% ma anche RADIO NAPOLI del 100%! Un filotto impressionante. C’è da festeggiare in via Sgambati!

Rimanendo a Napoli anche la RADIO MARTE di Paolo Serretiello avanza oltre il 10% rendendo quel mercato non facile per chiunque non sia parte dei 2 gruppi locali principali.

Tra le belle crescite nei quarti d’ora meritano una menzione speciale con la sottolineatura del loro dato anche RADIO MANILA (+14,48%) del gruppo Bellerate e che in Piemonte è il leader assoluto sempre più marcato, RADIO STUDIO DELTA (+60%) della quale Gianpaolo Ronconi mi spiegherà il segreto del balzo e RADIO VIVA FM (+16,87%), tra le più interessanti realtà per un pubblico giovane nel nostro Paese.

Onore al merito di tutte le emittenti locali in crescita… ma anche alle altre e… che il fermento continui!

Inserimento commenti più in basso

 

Condividi il Contenuto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *